Chi è Myriam Blasini

gothic
Disegno di Myriam Blasini

Nata nel 1970 in Canada da genitori abruzzesi, sono cresciuta in Italia tra Napoli e L’Aquila. Figlia unica, ma in seno ad una famiglia ricca di nonni, zii e cugini sparpagliati in giro per il mondo – chi per necessità, chi per curiosità – ho imparato presto ad apprezzare la varietà di lingue, cucine, colori e tradizioni che ogni nuova visita portava.
I ricordi più belli della mia infanzia sono quelli legati allo stupore provato ogni volta davanti all’apertura di una valigia: profumata di tè e tessuti colorati se proveniente da Mauritius, di cuoio e tabacco se appena arrivata da Buenos Aires, piena di strane T-shirt colorate se appena tornata dal Canada.
La mia visione del mondo non poteva quindi essere altro che una valigia piena di meraviglie. E così, un bagaglio dietro l’altro, ho cercato di esplorare – attraverso viaggi, libri, musica, arte – tutto ciò che di più interessante ciascun paese aveva da offrirmi.
Per qualche strana ragione, però, nessun altro paese è riuscito a catturare tanto saldamente il mio cuore quanto il Giappone. Sarà forse stato l’eccesso di cartoni animati (oggi diremmo ‘anime’) o il kimono ricevuto in dono da bambina da una zia viaggiatrice, fatto sta che l’amore per l’Oriente e per il Paese del Sol Levante in particolare mi accompagna fin dall’infanzia. Sulle orme di Fosco Maraini, trascinata dalla prosa magistrale dei suoi libri, ho cercato di approfondire gli aspetti più raffinati e sotterranei della cultura e delle tradizioni nipponiche, senza tuttavia disdegnare la cultura ‘pop’ giapponese, ma anzi abbandonandomi ad essa con entusiasmo.

Yakumo.jpg
Disegno di Myriam Blasini

Anime e manga, visual kei e jpop (ndr: musica leggera giapponese), cosplay e dorama (fiction televisiva), letteratura contemporanea e notiziari dell’NHK sono ormai entrati a far parte della mia quotidianità, aggiungendosi all’amore per il cinema dei grandi registi giapponesi e alle letture dei classici, da Natsume Soseki a Kenzaburo Oe.
Il Giappone non è per me una patria mancata e lontana, ma piuttosto l’ingranaggio principale del motore della mia inesauribile curiosità, una fonte costante d’ispirazione per disegni e creazioni artistiche, alimentazione e stile di vita. Cosa chiedere di più ad un hobby?

Annunci